Una scala per il cielo…”Manfriana Cima Ovest”

P1050683.JPG

Sono un sognatore! I sogni però si realizzano quando è deciso il loro tempo e i sogni di chi va in montagna, sono fatti della montagna stessa. Devo ammettere di averne realizzati tanti e seppur semplici li porto sempre nel mio cuore, come pagine importanti della mia vita. Oggi è stato il turno del canalone centrale della Cima ovest della Manfriana. Una visione che più e più volte ha rapito il mio sguardo e la mia fantasia. La neve dura e compatta ci ha fatto avanzare veloci e l’intera cresta dell’infinito, sopra di noi, ha fatto si che i ricordi di una nottata speciale, rivivessero, a donarmi quella giusta carica prima di una grande salita. Non sapevo che mi sarei trovato di li a poco a confrontarmi con me stesso!

P1050695.JPG

P1050699.JPG

 

L’inizio del canalone è davanti a noi. Per un attimo ci fermiamo. Il rumore del nascere del vento ci trasporta con se per esserne avvolti un attimo dopo. Circondati da quello stesso vento ci sentiamo per un attimo storditi ma Imma rompe gli indugi e avanza sulla neve ancora ghiacciata. Il mio sguardo però era rapito da un canale sulla sinistra, che come una rampa saliva fino al cielo. Lei decide di prenderne un altro sulla destra. Ci ritroviamo così, soli con noi stessi, ad affrontare la nostra personale ascesa. Strano direi! Non ci era successo altre volte di dividerci ma forse è giusto così. Ognuno di noi deve confrontarsi con il proprio io, confidandogli le proprie inquietudini e le proprie paure. Forse per trarne più forza o semplicemente per liberarsi di un peso che non ci appartiene. Sto vivendo un istante della mia vita che sembra un’eternità.

P1050706.JPG

P1050711.JPG

 

Salgo, affondando i ramponi sul pendio, che a poco a poco diventa sempre più ripido. Mi volto più volte. Non devo avere timore! Sono dentro il canale. Il pendio si attenua quasi fosse una piazzola, su quella strada che tutto sommato non sembrava così ripida. Davanti a me però, un muro. Dopo un paio di passi sento la pendenza aumentare sotto di me. Affondo su una neve molliccia. Impreco. Sono solo e da lì non posso assolutamente girami. Poi la mia mano, accompagnata da una forza interiore afferra le rocce in alto a sinistra. È la mia via d’uscita. Affrontare la cornice di fronte sarebbe una pazzia. Le punte dei ramponi graffiano e si aggrappano su parti di roccia minuscole. Sento un urlo…..Imma ce la fatta! Io sono ancora in quel imbuto a divincolarmi. Il movimento è preciso…niente distrazioni. Guardo un ultima volta in basso. Pianto la piccozza sopra la cornice e passo sull’ultimo gradino. Sono fuori! Mi butto a terra sorridendo e silenziosamente mi libero dell’ adrenalina accumulata. Guardo il cielo di un blu cobalto, guardo il Dolcedorme, guardo Imma che è già sulla cima ad aspettarmi e soprattutto guardo da dove son salito.   

“Sogno realizzato?” Mi chiede. “ Si, direi proprio di si”.

P1050722.JPG

La vita và avanti proprio come il cammino di un uomo verso le montagne che lo aspettano. Per esaudire i sogni invece, a volte bisogna affrontare strade ripide come una “scala che conduce al cielo”.

P1050716.JPG

Una scala per il cielo…”Manfriana Cima Ovest”ultima modifica: 2012-03-04T22:51:16+00:00da salvatore1305
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Una scala per il cielo…”Manfriana Cima Ovest”

  1. …mi sembra di poter vedere i nostri passi e soprattutto la linea della nostra super discesa…
    si narra che v’è una grotta con il tesoro dei briganti esattamente nel punto in cui siam passati …è VERO!!!ed io, quel forziere colmo delle ricchezze del mondo, lo spenderò sognando ..
    …il tuo sorriso,
    … il tuo amarmi,
    complici dell’ unico sogno che valga mai la pena di VIVERE …

    Të dua shum….

  2. Grande Lupo e complimenti anche alla “Donna del Lupo”!!! Ci vedo tanto romanticismo in tutto questo e sono contento per voi. La montagna è grande e apre tante porte ad innumerevoli esperienze di tutti i tipi e di tutte le dimensioni.
    Anche se , sapendo che dovevate essere dei nostri, sono rimasto un pò deluso quando domenica non vi ho trovato.
    Ma fa niente, ognuno di noi ha vissuto una bella esperienza e ognuno l’ha vissuta secondo lo stato d’animo che aveva in quel momento.
    Ciao Lupo, complimenti ancora a tutti e due e spero di rivedervi presto!!!
    Falco.

Lascia un commento